Avner Meyrav
Da Avner Meyrav
2386 Visualizza

Ethereum sta per diventare il prossimo Bitcoin?

Da quando, nel 2013, Bitcoin iniziò ad acquisire popolarità, sono nate altre criptovalute che hanno tentato di accaparrarsi una fetta di questo mercato emergente, valutato in miliardi. Fra le varie monete digitali, Ether (Ethereum) ha gradualmente consolidato il suo status, diventando la seconda criptovaluta più popolare, e continua a crescere. Ma dove si stanno dirigendo queste due valute? Di seguito un’analisi di differenze, analogie e delle possibili direzioni future.

Le criptovalute possono avere ampie fluttuazioni di prezzo e pertanto non sono appropriate per tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da nessun quadro regolamentare della UE. Il tuo capitale è a rischio

Pur essendo lontano dal valore di Bitcoin, che supera i 1.200$, negli ultimi mesi Ether è cresciuto in modo impressionante. Dall’8 gennaio 2017, giorno del suo lancio sulla piattaforma eToro, Ether ha fatto registrare guadagni incredibili, quadruplicando il suo valore, salendo da poco meno di 10$ ad appena sopra i 40$. La più recente impennata del prezzo potrebbe essere dovuta alla decisione della SEC, l’ente che vigila sulla borsa statunitense, di negare l’ETF basato su Bitcoin, che ha spinto alcuni investitori ad acquistare Ether come alternativa.

Essendo molto più recente, la sua introduzione risale infatti all’agosto 2015, Ether dipende ancora un po’ dall’atteggiamento generale verso le criptovalute – dettato soprattutto da Bitcoin. Bitcoin è diventato un asset caro a molti operatori, perché presenta forti oscillazioni percentuali ogni giorno e, nel complesso, guadagni nel lungo periodo. Ci sono, tuttavia, delle differenze fra le due criptovalute, che quindi potrebbero essere influenzate da fattori diversi.

Cosa influisce sui prezzi di Bitcoin?

Bitcoin è enorme, la capitalizzazione di mercato si avvicina ai 20 miliardi di USD. Se all’inizio veniva utilizzato solo dagli appassionati di criptovalute, ora ha consolidato il suo status, divenendo uno strumento finanziario legittimo sul mercato valutario. Come tale, Bitcoin potrebbe essere influenzato da cambiamenti sul mercato valutario, principalmente perché molti operatori lo considerando un bene rifugio. Per esempio, quando a fine 2016 lo Yuan si era indebolito, molti operatori cinesi hanno acquistato Bitcoin, generando una forte impennata del prezzo.

La recente decisione della SEC di negare un ETF basato su Bitcoin è un altro ottimo esempio delle forze che influiscono sulla criptovaluta. Se fosse stato approvato, l’ETF avrebbe segnalato l’ammissione definitiva del Bitcoin al trading tradizionale. Tuttavia, poiché è stato respinto, Bitcoin rimane un asset che è una specie di via di mezzo, esistendo nella sua forma decentrata, ma essendo anche abbastanza importante da essere influenzato dalla forze di mercato.

Cosa influisce sul prezzo di Ethereum?

Come accennato prima, Bitcoin è ancora il parametro di riferimento per il sentiment generale del mercato rispetto alle criptovalute. Ma la recente decisione della SEC ha creato una situazione che fa allontanare Bitcoin ancora di più dal mercato tradizionale e che potrebbe spiegare la recente impennata del prezzo di Ether. E’ possibile che alcuni fra coloro che operano sulle criptovalute stiano ora optando per Ether, che non ha ancora dovuto fare i conti con i mercati tradizionali.

Inoltre, Ether si è affermato e viene influenzato da fattori non legati a Bitcoin. Ether si basa sulla piattaforma blockchain Ethereum, che offre una serie di strumenti di sviluppo decentrato per i quali Ether potrebbe essere utilizzato come valuta. Ne deriva che modifiche alla piattaforma Ethereum potrebbero influire sulla moneta.

Ogni volta che la piattaforma raggiunge una “hard fork” (una modifica nella programmazione che rende incompatibile la versione precedente), Ether potrebbe risentirne. Gli effetti potrebbero essere positivi, in casi che consentono maggiore sicurezza o migliore accessibilità, o negativi, come il caso dell’hard fork per DAO: nel giugno del 2016, questa hard fork ha permesso a un hacker di assumere il controllo di circa 50 milioni di $ in Ether – facendo crollare la valuta del 30% in un giorno. L’attacco informatico è stato però affrontato e da allora Ether è in costante rialzo.

Ethereum contro Bitcoin

C’è chi definisce Ether “il prossimo Bitcoin”, ma le due valute presentano delle differenze e sarebbe saggio conoscerle prima di fare trading su Ethereum:

 Cripto Bitcoin Ethereum
Offerta Limitata. Bitcoin viene messo in circolazione gradualmente, a un tasso decrescente; l’intenzione è avere un ammontare finale pari a 21 milioni di Bitcoin entro l’anno 2140. Illimitata. Ether è progettato per avere essenzialmente un potenziale di mining infinito, con un limite fissato a 18 milioni di Ether all’anno.
Velocità di elaborazione Circa 10 minuti: Si considera più lento in termini di liquidità. Fino a un massimo di 15 secondi: Una maggiore velocità nelle transazioni si traduce in liquidità e volatilità più elevate.
Creazione Bitcoin è stato creato con l’unico scopo di essere una criptovaluta. Ether è stato creato per fungere da valuta per la piattaforma Ethereum.
Proprietà Gran parte della ricchezza mondiale in Bitcoin è detenuta da una percentuale molto piccola dei primi miner di Bitcoin. Poiché Ethereum è stata finanziata con il crowdfunding, la maggioranza di Ether è posseduta da coloro che l’hanno comprato in anticipo. Si prevede che entro cinque anni i miner saranno la maggioranza.

Conclusione: Ether batterà Bitcoin?

E’ ancora troppo presto per dire se Ether sarà la prossima Bitcoin. Se il grafico di Bitcoin può dare un’indicazione del comportamento delle criptovalute, è possibile che in futuro assisteremo a una forte fluttuazione dei prezzi di Ether. Ether potrebbe continuare a salire, avvicinarsi alle prestazioni di, o addirittura rivaleggiare con, Bitcoin. Ci sono, però, anche altri scenari che potrebbero portare alla fine di Ether, per esempio un altro attacco informatico dovuto a una hard fork, o un forte calo dei prezzi di Bitcoin – che potrebbe trascinare giù anche Ether. Bitcoin, tuttavia, ha spianato la strada a Ether, rendendo il mercato più tollerante e aperto alla natura delle monete digitali, quindi potremmo essere all’inizio dell’era delle criptovalute, e di un’era in cui le principali valute mondiali non hanno una forma fisica.

Le criptovalute possono avere ampie fluttuazioni di prezzo e pertanto non sono appropriate per tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da nessun quadro regolamentare della UE. Il tuo capitale è a rischio

2386 Visualizza