eToro
Da eToro
20 Visualizza

Aggiornamento settimanale di eToro – I titoli tecnologici stanno sfidando la gravità?

I titoli tecnologici raggiungono nuovi massimi storici

Nonostante i timori di guerre commerciali e tariffe, un raduno per il settore tecnologico ha portato il Nasdaq Composite e Russell 2000 a nuovi massimi storici. Ciò è stato in parte dovuto a dati economici migliori del previsto provenienti dagli Stati Uniti, indicanti che il PIL per il T2 avrà una base più solida, ma l’indice è stato beneficiato principalmente da titoli come Tesla, Twitter e Netflix. I titoli Tesla sono aumentati di quasi il 10% il 6 giugno dopo che il CEO Musk ha rassicurato gli azionisti che la costruzione di 5.000 vetture Model 3 alla settimana entro la fine di giugno era “molto probabile”, mentre Twitter ha risposto con un aumento del 16% fino ad oggi, in seguito alla notizia che il sito di social media sostituirà la Monsanto sull’S&P 500, costringendo così i fondi passivi ad acquistare i suoi titoli su una scala significativamente maggiore. L’S&P 500 stesso ha subito un rialzo del 2,5% questo mese seguita a breve distanza dal German DAX con l’1,75% data la situazione di persistente incertezza in Italia. Anche in Asia i mercati azionari hanno registrato un andamento positivo con lo Shanghai 50 cinese e il Nikkei 225 giapponese in rialzo rispettivamente dell’1,7% e del 2%.

Rame in crescita del 7% in una settimana a causa delle preoccupazioni in merito all’interruzione dell’approvvigionamento

Il prezzo del rame è salito sopra i 7.000 dollari a tonnellata nel timore che la gigantesca miniera cilena Escondida potesse essere colpita da ulteriori proteste sindacali. Il sindacato ha avanzato alcune richieste significative, alle quali l’azionista BHP ha 10 giorni di tempo per rispondere. La maggior parte del metallo migliore è stato estratto dalla miniera, costringendo BHP a estrarre minerali a basso tenore di minerale da due pozzi di profondità compresa tra 500 e 620 metri, un fattore che aumenta la probabilità di rifiuto delle richieste, il che provocherebbe di conseguenza un’estensione dei problemi di approvvigionamento. Nel 2017, l’approvvigionamento globale di rame è stato interrotto da tensioni con il personale e restrizioni governative alle esportazioni; sembra probabile che uno scenario simile possa ripetersi anche nel 2018!

Il petrolio è sceso del 3% nel corso della settimana ed è previsto un ulteriore calo.

In linea con le nostre aspettative di un intervento politico sul prezzo del petrolio, il governo degli Stati Uniti ha chiesto ufficiosamente all’Arabia Saudita e ad alcuni altri produttori membri dell’OPEC di aumentare la produzione, secondo le fonti Reuters. Con le elezioni americane di metà novembre, il prezzo al gallone è un fattore cruciale del sostegno elettorale di Trump e, di conseguenza, l’imminente riunione dell’OPEC a Vienna il 22 giugno avrà un’importanza decisiva. Riteniamo che il prezzo del petrolio continuerà a scendere.

Pesos messicano in crisi a causa dell’escalation della guerra commerciale

Il pesos messicano è stata la valuta più colpita questa settimana, raggiungendo un valore di appena 20,50 pesos per dollaro dopo l’annuncio del governo dell’imposizione dei propri dazi sull’importazione per una vasta gamma di prodotti americani, tra cui bourbon, mele, patate, formaggio e carne di maiale, in risposta alle imposte dell’amministrazione Trump sull’acciaio e l’alluminio. Questa decisione, oltre a scatenare guerre commerciali tra i due vicini, giunge in un momento delicato, con l’imminente possibile vittoria del populista di sinistra Lopez Obrador alle elezioni presidenziali del 1° luglio. Oltre al Messico, la Commissione europea ha annunciato l’intenzione di applicare tariffe doganali a una serie di prodotti statunitensi per un valore di 2,8 miliardi di USD. Le misure dovrebbero entrare in vigore entro luglio. La riunione del G7 che si terrà nel fine settimana dovrebbe preparare il terreno per ulteriori discussioni commerciali.

Settimana positiva per le Criptovalute

Le criptovalute hanno avuto una seconda settimana positiva consecutiva dopo un mese di flessione. Ripple è aumentato di quasi il 13% nel corso della settimana, seguito da Ethereum al 9% e Bitcoin al 3,75%. In particolare, Bitcoin ha recuperato dalla linea di supporto di quest’anno dai minimi di febbraio e aprile, suggerendo un nuovo test al rialzo della formazione tecnica. Giugno sarà un mese critico per la valutazione del sentimento di mercato, dal momento che una pausa, in entrambi i casi, potrebbe rivelarsi significativa.

Fonte: eToro

Settimana chiave per le banche centrali

Calendario fitto la prossima settimana, con la concomitanza delle riunioni delle tre principali banche centrali. La Federal Reserve dovrebbe alzare i tassi di 25 punti base al 2%, in linea con l’analisi presentata nei verbali del FOMC del mese scorso. La Banca centrale argentina potrebbe scegliere una strategia prudente e mantenere i tassi al 40% per altre due settimane, con il progredire delle discussioni con l’FMI, la Banca mondiale, la IADB e la PBOC. La Banca del Giappone manterrà probabilmente una posizione poco aggressiva, dal momento che la spese per i servizi e il nucleo familiare sono risultate più deboli del previsto e un calo del valore dello yen favorisce il settore delle imprese. Le due banche centrali che potrebbero sorprendere con una strategia più aggressiva sono la BCE e la Banca di Russia. La BCE potrebbe annunciare la fine del suo programma di acquisto di obbligazioni quest’anno, mentre il governatore della Banca di Russia Nabiullina, nel corso di un’intervista con Reuters, ha affermato che la politica di allentamento, che ha portato i tassi dal 17% nel dicembre 2014 al 7,25% in aprile, potrebbe giungere al termine.

Comunicati economici chiave e decisioni della Banca centrale (ora del Regno Unito)

Lunedì 11 giugno 2018                                                                                          Indietro

16:00         U.S.A. Previsioni inflazionistiche dei consumatori di MAGGIO                      2,98%

Martedì 12 giugno 2018                                                                                      Indietro  

13:30         U.S.A. Tasso di inflazione su base annua di MAGGIO                                   2,1%   

21:00         AR Decisione sul tasso d’interesse                                              40%    

Mercoledì 13 giugno 2018                                                                                    Indietro

9:30           GB Tasso di inflazione su base annua di MAGGIO                         2,1%   

19:00          U.S.A. Decisione sul tasso d’interesse del governo federale                          1,75%

Giovedì 14 giugno 2018                                                                                        Indietro

3:00           CN Vendite al dettaglio su base annua di MAGGIO                                  9,4%

13:30         EA Conferenza stampa ECB                                              +0%    

Venerdì 15 giugno 2018                                                                                         Indietro

16:00         JP Decisione sul tasso d’interesse della Banca del Giappone                 -0,1%

11:30         RU Decisione sul tasso d’interesse                                              7,25%

Questo contenuto è destinato esclusivamente a scopo educativo, e non deve essere considerato un consiglio d’investimento Le prestazioni precedenti non offrono garanzie per risultati futuri. Il tuo capitale è a rischio.

 

20 Visualizza