eToro
Da eToro
666 Visualizza

Spiegzione del fork Bitcoin

Martedì un gruppo di attivisti, minatori digitali e imprenditori di Bitcoin scontenti sono riusciti a forgiare una nuova versione della più celebre criptovaluta del mondo e a far nascere Bitcoin Cash. Non c’è voluto molto affinché dei commentatori ironici chiamassero l’incidente, inevitabilmente, “Bitexit”, anche se potrebbe diventare altrettanto epocale come promette di essere il Brexit.

Cosa deve pensare Satoshi Nakamoto, il programmatore segreto (o programmatori) inventore di Bitcoin, che ha iniziato ad essere usato come la prima criptovaluta decentralizzata nel gennaio 2009,  della scissione:una manovra tecnica conosciuta come “hard fork”? Dopo tutto, sembra essere l’inizio verso una guerra civile di Bitcoin.

L’introduzione di Bitcoin ha generato una proliferazione di criptovalute, in effetti oggi ne sono disponibili oltre 900 in internet, tra cui Ethereum, XRP e Litecoin, ma l’originale rimane il più conosciuto e di valore in tutto il mondo.

Le criptovalute sono un grosso business, come confermato all’inizio di quest’anno dal primo Report di riferimento sul tema, prodotto da un team del Cambridge Centre for Alternative Finance (CCAF) dell’Università di Cambridge. Lo studio, che ha raccolto dati provenienti da quasi 150 società di criptovalute e privati di 38 paesi, ha evidenziato che nel mese di aprile il valore combinato del mercato era di $27 miliardi. E nel mese di giugno, in seguito a un picco nel prezzo di Bitcoin, le criptovalute hanno visto la loro capitalizzazione di mercato combinata raggiungere i $100 miliardi per la prima volta.

Inoltre, gli studi hanno scoperto che le persone che stavano utilizzando attivamente le criptovalute (per lo più Bitcoin) erano quasi sei milioni, tre volte il numero delle stime effettuate in precedenza. Dato che Bitcoin non ha ancora compiuto i dieci anni di vita, la spinta collettiva delle criptovalute “rappresenta un livello di creazione di valore nell’ordine delle storie di successo della Silicon Valley come AirBnB”, ha suggerito, a ragione, il Global Cyptocurrency Benchmarking Study del CCAF.

Ma perché è avvenuto il “hard fork” di martedì? I critici di Bitcoin si sono lamentati per un paio di anni per il fatto che, resistendo al cambiamento e rifiutando di aggiornare il codice sottostante, non era stato in grado di affrontare efficacemente il recente aumento della popolarità che aveva portato il suo prezzo a crescere dai circa $993 per unità dell’inizio del 2017 al suo valore attuale di $2.700.

La velocità, o meglio la sua mancanza, è la questione cruciale. In termini semplici, le transazioni di Bitcoin vengono finalizzate quando un blocco viene aggiunto al database blockchain che sostiene la criptovaluta. In questo modo, i blocchi sono limitati a 1 MB per 10 minuti, o sette transazioni al secondo. Considera che Visa può gestire 2.000 transazioni al secondo. In breve, durante i picchi di negoziazione, le transazioni di Bitcoin possono richiedere ore per essere completate e ciò non consente che la moneta prosperi. Bitcoin Cash cerca di alleviare questo problema.

È troppo presto per dire se la nuova criptovaluta sopravviverà a lungo termine, sebbene la sua creazione abbia creato pareri contrastanti. “Il Forking è un comportamento utile. Come le mutazioni del DNA, permette un’ evoluzione più veloce”, ha scritto Fred Ehrsam, co-fondatore di Coinbase, su Twitter.

“Bitcoin Cash non ha risolto la scalabilità,” ha replicato Ryan Taylor, CEO di Dash Core, un’organizzazione che si occupa dello sviluppo di Dash, una criptovaluta rivale. “Ha semplicemente preso tempo con dei blocchi leggermente più grandi, ma manca ancora una tecnologia credibile per scalare un numero enorme di utenti.”

Rimanendo su un terreno più neutrale, Derin Cag, fondatore e CEO di Richtopia, mi ha detto: “Ci sono dei pro e dei contro nel fork. I pro sono la copertura dei media, che sta rendendo più popolare il Bitcoin. Il secondo pro è lo sviluppo della tecnologia in termini di dimensioni dei blocchi, che consente Bitcoin e/o Bitcoin Cash di scalare.”

“I contro sono le divisioni estreme nella comunità crypto e la scissione in due della tecnologia. Si tratta di un dibattito interno, durato due anni e che è passato dalla diplomazia a una guerra fisica assoluta nell’agosto 2017 con il fork”

Cag ha aggiunto: “Molta gente tra cui BitMain, una società cinese di hardware mining, valutata quasi $1 miliardo e influencers Bitcoin come Roger Ver, hanno mostrato sostegno per Bitcoin Cash. Personalmente, rimarrò neutrale e continuerò ad avere lo stesso ammontare di Bitcoin che di Bitcoin Cash per vedere a cosa porterà tutto questo. Al di là di Bitcoin, l’ecosistema blockchain è ancora sano, con la crescita di Ethereum e di numerose altre startup”.

Dopo un solo giorno di esistenza, il valore di Bitcoin Cash è salito a $600 per unità, salendo dai $214 dollari prima della scissione, e l’Economist ha riferito che sono in circolazione dei tokens per un valore di più di $10 miliardi, importo che è ancora in qualche modo in arretrato rispetto ai $47 miliardi di Bitcoin. Forse la Bitexit non sarà dannosa come la Brexit, dopo tutto.

Le criptovalute possono avere ampie fluttuazioni di prezzo e pertanto non sono appropriate per tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da nessun quadro regolamentare della UE. Il tuo capitale è a rischio

666 Visualizza