Banche Centrali protagoniste della settimana

Nonostante il default da parte di Evergrande e l’aumento dell’inflazione statunitense di venerdì la seconda settimana di dicembre ha registrato un forte ritorno alla propensione al rischio sui mercati azionari. Il Dow Jones ha chiuso con un +4%, la migliore performance settimanale da marzo, e Nasdaq +3.6% e S&P 500 3.8% con il maggiore rialzo da febbraio. 

Il livello di inflazione americano ritorna sui valori, del lontano 1982, al 6.8%. La risposta dei mercati mostra come questo rialzo fosse già stato scontato nei prezzi. A spingere nuovamente l’indice del carovita il settore energetico con un rialzo del 33%.

Dopo aver passato una settimana incentrata sul tema dell’inflazione, la settimana che si apre vede invece protagoniste le Banche Centrali. Gli investitori dovranno districarsi nel terreno arduo di ben 17 riunioni di politica monetaria, tra cui quelle della Federal Reserve degli Stati Uniti, della Banca Centrale Europea,  della Banca del Giappone e Banca d’Inghilterra, che insieme sono responsabili della politica monetaria per quasi la metà dell’economia mondiale.

Nel dettaglio sono attese le riunioni delle seguenti Banche Centrali: 

  1. Ungheria: dove è atteso un aumento dei tassi dall’attuale 2.1% al 2.4%
  2. Uganda: non attese variazioni all’attuale tasso del 6.5%
  3. Cile: atteso un aumento dall’attuale 2.75% al 4%
  4. Mauritius: attuale tasso al 1.85%
  5. Stati Uniti: nessuna variazione al tasso dello 0.25% ma quasi certo l’aumento del piano di tapering
  6. Filippine: tasso attuale al 2%
  7. Indonesia: tasso attuale al 3.5%
  8. Taiwan: tasso attuale al 1.125%
  9. Svizzera: tasso previsto all’attuale livello dello -0.75%
  10.  Norvegia: Tasso previsto in rialzo allo 0.5%, dall’attuale 0.25%
  11.  Regno Unito: tasso previsto invariato allo 0.10%
  12.  Euro: tasso previsto invariato allo 0.25%
  13.  Messico: Tasso previsto al rialzo dall’attuale 5% al 5.25%
  14.  Egitto: tasso attuale al 8.25%
  15.  Giappone: tasso atteso invariato al -0.10%
  16.  Russia: tasso atteso al rialzo dall’attuale 7.50% al 8%
  17.  Colombia: previsto aumento del tasso attuale dal2.5% al 3%

È probabile che la riunione della Fed possa confermare il messaggio più aggressivo di Powell sull’inflazione, rendendo quindi più veloce il ritmo di tapering da parte della Banca Centrale. Le attese sono ora per una fine del Quantitative Easing entro aprile. Prova di maggiore complessità di comunicazione per la BCE, alle prese di crescenti divisioni interne al board sul tema inflazione.  Non si prevedono modifiche ai tassi d’interesse, tuttavia una progressiva eliminazione del PEPP entro marzo.

Nella settimana sono attese le trimestrali per Accenture, Adobe, Carnival, FedEx, Darden Restaurants e la prima volta per Rivian Automotive.

Da monitorare la fine del periodo di lockup per WalkMe e i principali eventi programmati quali quelli di Lowe’s ed Eli Lilly per il 15 dicembre, Delta Air Lines e Alibaba per il 16 e di Nio il 17 dicembre.

Resta alta la tensione sul confine ucraino, con il comunicato dei Ministri degli Esteri del G7 che ha avvisato la Russia di enormi conseguenze in caso di invasione. A dare maggiore carico, tuttavia, le parole del Presidente USA, Joe Biden, il quale minaccia Mosca di “devastanti” conseguenze economiche in caso di aggressione.

Criptovalute: venerdì anche il nostro CEO Yoni Assia ha cambiato la propria immagine di Twitter con un Bored Ape Yacht Club NFT. In un interessantissimo tweet – di seguito il link https://twitter.com/yoniassia/status/1469407792746446851 – il CEO eToro ha trattato della crescita e dell’interesse del settore, in particolare del Metaverso e degli NFT.  

Nel sempre crescente tema sul metaverso, ricordo come l’ETF Roundhill Ball Metaverse è attualmente scambiato e l’ETF First Trust Indxx Metaverse è in arrivo. Di seguito le principali partecipazioni del primo ETF:

Tra le principali notizie inoltre il fondo statale di Abu Dhabi, Mubadala Investment Capital, in un intervista alla CNBC ha riportato che  il fondo starebbe  investendo denaro nell’ecosistema cripto, individuando la tecnologia blockchain e l’energia come le principali aree di interesse. 

Shiba ottiene un nuovo supporto mediante l’adozione del token nella rete di pagamenti Flexa – rete di pagamenti digitale accettata in più di 40.000 negozi negli Stati Uniti.

Binance ha annunciato la chiusura della sua attività di Exchange in Singapore dal prossimo 13 febbraio. La società operava sul territorio mediante licenza temporanea, in attesa di approvazione da parte della Monetary Authority of Singapore (MAS).

Nella corsa alla soluzione della scalabilità di Ethereum, Polygon annuncia un affare da 400 milioni di dollari con l’acquisizione di Mir- maggiori dettagli disponibili al seguente link https://blog.polygon.technology/polygon-takes-a-major-lead-in-zk-rollups-welcomes-mir-a-groundbreaking-zk-startup-in-a-400m-deal/

Apple

Nuovo massimo storico per Apple che, grazia al +2.8% registrato venerdì, si porta attualmente ad una capitalizzazione complessiva di $2.944 trilioni – ci avviciniamo sempre di più alla nuova soglia dei 3 trilioni di dollari.

Nel frattempo, Daniel Ives di Wedbus conferma il giudizio di Buy con target a $200

Qualtrics International Inc

La società sviluppatrice di software entra all’interno della Convicted List da parte di Goldman Sachs. In particolare, viene così ad essere riportato:

“Avviamo Qualtrics con un rating Buy (sulla Conviction List) e il 58% di upside al nostro target di prezzo a 12 mesi a $53. Vediamo Qualtrics come leader di mercato nella Customer Experience, un segmento del CRM TAM che sta crescendo di importanza in quanto i clienti cercano di capire le aree di miglioramento attraverso il coinvolgimento digitale con l’obiettivo di ottimizzare”

Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.

Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere.

Il prezzo delle cryptovalute può variare significativamente e non sono adeguate per tutti gli investitori. Il trading sulle cryptovalute non è supervisionato da alcun quadro regolatorio dell’Unione Europea

121 Visualizza