Pronti per il Singles’ Day?

Nella prima settimana del mese continuiamo ad osservare un forte proseguimento del rally sui mercati azionari internazionali.

Nella settimana all’insegna dell’inizio del tapering, delle pubblicazioni sul mercato del lavoro USA, della decisione sui tassi d’interesse in Inghilterra e sull’approvazione (inaspettata) alla Camera, del pacchetto per l’infrastruttura di Joe Biden da 1.2 trilioni di dollari, è il settore della mid cap americana a guidare il rally, con il Russell 2000 (ETF IWM) che ha registrato un sorprendente +6.08%.

A sostenere la salita dell’indice le eccellenti performance da parte di Avis Budget Group +71.6% grazie alle sue ottime trimestrali, con le vendite che sono aumentate del 96% nel terzo trimestre rispetto ai risultati deboli di un anno fa (causa pandemia). AMC Entertainment (il quale rappresenta il più alto peso sull’indice con uno 0.65% di ponderazione) ha visto una salita di circa un +18%, grazie ad un ritorno record dei livelli di vendita dei biglietti post pandemia e dal crescente ritorno per le cosiddette meme stocks, vedere Bed Bath & Beyond +60.7%.

Perfino il FTSE MIB, migliore indice in Europa nella scorsa settimana, è riuscito a ritornare sui livelli di settembre 2008. A guidare il rally nella passata settimana Ferrari +11.6%, grazie alle ottime trimestrali, e Telecom +10.7%, sulla scia delle indiscrezioni sulla rete (il CdA per Telecom è atteso proprio per questo giovedì 11 novembre) 

Delle 445 società dell’S&P 500, che hanno pubblicato le trimestrali fino ad oggi, l’80.7% ha riportato guadagni superiori alle stime degli analisti. Ciò si confronta con una media a lungo termine del 65.8% e una media dei quattro trimestri precedenti dell’84.7%, secondo dati Refinitiv.

Ad oggi sia i settori Energy e Real Estate hanno già presentato tutte le trimestrali. Nel primo settore ben il 71% ha superato le attese sugli utili, mentre per il comparto Real Estate la percentuale si ferma ad un 62%.

Il settore Health Care e IT si confermano attualmente leader tra le pubblicazioni, con un 93% delle società cha hanno battuto le attese sul lato degli utili.

Per la settimana, tra le società dell’indice S&P 500, sono attese 13 pubblicazioni: 3 all’interno del settore Consumer Discretionary e Health Care, 2 per IT e Materials e 1 per il settore Communication Services e Consumer Staples.

Tra i principali nomi attesi per la settimana società del calibro di Paypal, Walt Disney, Nio, Coinbase, Aurora Cannabis e Unity Software

Tra gli eventi aziendali da monitorare per la settimana: AMD ospita, lunedì 8 novembre, il suo Accelerated Data Center Premiere con i riflettori sui processori AMD EPYC e gli acceleratori AMD Instinct. Nella stessa giornata anche Microchip Technology tiene l’Analyst and Investor Day. Broadcom ospita il Broadcom Software Investor Day il 9 novembre, mentre Equifax il 10 novembre. In un evento di alto profilo per il mondo dei media, Disney ospita il suo primo Disney+ Day l’11 novembre. 

Giovedì 11 novembre prende il via il maggiore appuntamento per i giganti dell’eCommerce cinesi: il Singles Day noto anche con il nome di Double 11 (per la sua data di ricorrenza dell’11 novembre). Nello scorso anno solamente Alibaba e JD.com hanno registrato vendite per circa $115 miliardi di dollari. Circa 74,1 miliardi di dollari per Alibaba e $40,97 per JD.com.  La crescita delle vendite per questo evento è qualcosa di eccezionale. Basta osservare la  comparazione delle vendite tra Alibaba, durante il suo Singles’Day, e Amazon, nel suo Amazon Prime Day, per avere un’idea: lo scorso anno Alibaba ha fatturato 74.1 miliardi di dollari contro i $10.39 miliardi per Amazon.

Elon Musk continua a stravolgere i mercati con i suoi tweet. Sabato, la pubblicazione del sondaggio, se vendere il 10% delle sue azioni di Tesla e pagare le tasse, ha ricevuto oltre 3.5 milioni di voti e il risultato è stato per un canonico SI (57.9%). 

Musk aveva avanzato il sondaggio riportando come “ultimamente si parla molto delle plusvalenze come sistema per evitare di pagare le tasse”, di qui l’iniziativa – da parte dell’uomo più ricco al mondo – di realizzare tali plusvalenze mediante la vendita del 10% delle sue azioni e pagare proprio le dovute imposte….sicuramente sarà felice Michael Burry, con le sue esposizione in short selling su Tesla.

Lo scorso mese, proprio il CEO di Tesla, aveva appunto riportato come qualsiasi nuova tassa un giorno sarebbe stata estesa alle classi medie, twittando: “Alla fine, finiscono i soldi degli altri e poi vengono per te”.

CRIPTO: L’approvazione di venerdì della Camera sul piano infrastrutture potrebbe spaventare il mercato delle crypto (sebbene Bitcoin viaggia oggi sopra i $65360). Il pacchetto, infatti, prevede una maggiore stretta fiscale sui redditi da criptovalute. 

Cresce sempre di più l’attenzione sul Bitcoin. New York potrebbe diventare il nuovo polo del settore con la vittoria del sindaco Eric Adams, come da promesse in campagna elettorale. Il neoeletto sindaco ha pubblicamente annunciato la richiesta di ricevere i suoi prime tre stipendi in Bitcoin – seguendo la decisione del primo cittadino di Miami.  Un membro della Camera dei Deputati brasiliana, Luizão Goulart, ha proposto un disegno di legge per fornire ai lavoratori del settore pubblico e privato un’opzione di pagamento crittografica. Ciò significa che i lavoratori brasiliani avrebbero la possibilità di richiedere la loro paga in criptovalute.

Stando a quanto riportato da Business Insider gli analisti di JP Morgan scommettono sulla crescita di Ethereum, piuttosto che di Bitcoin. “L’aumento dei rendimenti obbligazionari e l’eventuale normalizzazione della politica monetaria stanno esercitando una pressione al ribasso su Bitcoin come forma di oro digitale, allo stesso modo in cui i rendimenti reali più elevati hanno esercitato una pressione al ribasso sull’oro tradizionale”….. “Con Ethereum che trae il suo valore dalle sue applicazioni, che vanno dalla DeFi ai giochi, agli NFT e alle stablecoin, sembra meno suscettibile di Bitcoin a rendimenti reali più elevati”.

Domani 09 novembre riflettori puntati sul token XRP con l’annuale Ripple Swell Global. Moltissimi relatori nei due giorni di conference, tra i quali possiamo riportare nominativi quali Mohamed El-Erian (Chief Economic Advisor di Allianz) e Robert Leshner (fondatore di Compound). Quest’ultimo infatti sarà presente nel programma sulla DeFi. Di seguito il programma dell’evento Link 

Visa

Il titolo corregge dai suoi massimi del 27 luglio di circa 15 punti percentuali. Correzione che era stata accompagnata appunto da una divergenza ribassista nel suo RSI. Mancano segnali di acquisto, nonostante i forti guadagni di venerdì. La tenuta del livello psicologico dei $200 sarà fondamentale mentre, al rialzo, un superamento dell’area dei $225-$230 potrebbe riportare il titolo a maggiore attenzione dei compratori.

Micron Technology

Interessante formazione di un possibile wedge (cuneo) all’interno del grafico settimanale per il titolo di memorie Micron. Generalmente un wedge è una figura di continuazione della tendenza con un’inclinazione opposta alla sua attuale direzione.

Anche l’indicatore MACD sembra voler evidenziare una ripartenza verso l’alto del titolo, con le due medie pronte ad incrociarsi verso l’alto.

Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.

Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere.

Il prezzo delle cryptovalute può variare significativamente e non sono adeguate per tutti gli investitori. Il trading sulle cryptovalute non è supervisionato da alcun quadro regolatorio dell’Unione Europea

123 Visualizza