In che modo le Elezioni USA influenzeranno i Mercati Globali?

Il 2020 è stato uno degli anni più importanti della storia recente. La pandemia di COVID-19 ha paralizzato diversi segmenti dei mercati globali, USA e Cina sono stati i protagonisti di una continua guerra dei dazi e il prezzo del petrolio ha raggiunto dei minimi senza precedenti. Ma l’anno non è ancora finito e c’è almeno un altro evento importante che potrebbe avere un impatto sui mercati globali: le elezioni presidenziali negli Stati Uniti, che si terranno il 3 novembre.

Il tuo capitale è a rischio.

Il periodo pre-elettorale

Naturalmente, l’America e il resto del mondo seguiranno da vicino le elezioni e i suoi risultati. Probabilmente la superpotenza più importante e influente della terra, gli Stati Uniti influiscono su molti aspetti della popolazione globale e la corsa alla presidenza non fa eccezione. L’identità del partito al governo e del comandante in capo è importante per la maggior parte della popolazione del pianeta.

I mesi che precedono le elezioni sono storicamente meno favorevoli per i mercati statunitensi. Dal 1922, oltre la metà dei tre mesi precedenti le elezioni sono stati negativi, come risulta dai principali indici. Tuttavia, il 2020 potrebbe avere una propria serie di regole. La pandemia di COVID-19 ha portato a perdite maggiori della grande depressione, e la ripresa ha poi portato a una delle fasi più rialziste della storia del mercato. Inoltre, giganti della tecnologia come Apple, Amazon e Microsoft hanno raggiunto livelli mai visti prima, spingendo alcuni analisti a credere che siamo in una bolla.

Trump contro Biden

I candidati dei partiti repubblicano e democratico sono entrambi molto conosciuti. Da un lato, il presidente uscente Donald Trump, il cui mandato ha coinciso con uno dei più grandi rally del mercato nella storia, con tutti e tre i principali indici USA, DJ30, SPX500 e NASDAQ100, che hanno raggiunto massimi storici durante il suo mandato. Allo stesso tempo, il coronavirus si è verificato mentre era in carica, e ciò ha portato a uno dei maggiori cadute del PIL nella storia degli Stati Uniti.

Dall’altra parte c’è Joe Biden. Il veterano con una carriera politica di 47 anni è forse meglio conosciuto come l’ex VP del Presidente Obama. Anche se non è considerato una superstar in popolarità come l’ex Presidente sotto cui ha prestato servizio, quando ha ottenuto la candidatura democratica, Biden è diventato il favorito di Wall Street, soprattutto perché è molto più moderato dei democratici che ha superato per la candidatura: Elizabeth Warren e Bernie Sanders.

È il Veep, il Vicepresidente

Anche il compagno di corsa di ciascun candidato svolge un ruolo importante, anche se più significativo dal lato dei Democratici questa volta. Il VP Mike Pence di Trump è un noto conservatore e la sua presenza come numero due di Trump in questa rielezione è meno incisiva. La scelta di Biden per il Veep, tuttavia, è stata il titolo dei titoli.

Kamala Harris è una politica nota ed estremamente popolare. È considerata molto intraprendente, assertiva e vincente nel suo complesso. Oltre ad essere una politica esperta e abile, è anche una donna di colore. La vittoria come VP la posizionerebbe “prima” in molti ruoli, tra cui la prima Veep femminile e la prima persona di colore a ricoprire l’incarico. Per non parlare del fatto che se Biden non potesse terminare il suo mandato per qualsiasi motivo, Harris diventerebbe Presidente.

Il tuo capitale è a rischio.

Democratici e Repubblicani: qual è il migliore per i mercati?

Per i Democratici USA, la ciliegina sulla torta è la popolarità di Harris a Wall Street. Anche se tradizionalmente i Repubblicani sono percepiti come quelli che servono gli interessi degli investitori, sembra che Wall Street sia a favore di Harris. Avere il sostegno di Wall Street significa anche che più denaro scorre verso le tasche dei Democratici, come è avvenuto quest’anno, per la prima volta in un decennio.

Ci sono una serie di motivi per cui Harris sta guadagnando consensi: in primo luogo, come Biden, Harris è molto più moderata di altri candidati VP, come Sanders o Warren, il che significa che alcune delle idee più estreme espresse dai Democratici non saranno realizzate sotto il suo mandato. In secondo luogo, rappresenta la stabilità, cosa che molti investitori a lungo termine hanno cercato nella corsa delle montagne russe che ha caratterizzato la presidenza Trump. Infine, si stima che né Harris né Biden invertiranno la riduzione dell’imposta sulle società di Trump.

Avere il sostegno di Wall Street è un’impresa che non molti Democratici hanno conseguito. Tuttavia, la storia dimostra che i gestori di denaro potrebbero volerci ripensare. Storicamente, il PIL è aumentato più sotto i Democratici che sotto i Repubblicani, e questo porta anche alla crescita del mercato azionario. Paradossalmente, il motivo potrebbe essere “socialista”, dato che i Democratici spesso promuovono piani economici che favoriscono l’occupazione a tempo pieno, portando a guadagnare e spendere più denaro.

Il giorno dopo le Elezioni

Nessuno sa chi prenderà la presidenza dell’ufficio ovale l’anno prossimo e, nonostante Biden sia in testa ai sondaggi, la storia recente ci ha insegnato che tutto può accadere il giorno delle elezioni. Dopo tutto, Hillary Clinton aveva praticamente dichiarato vittoria prima che Trump vincesse la Presidenza. Storicamente, una volta chiuse le elezioni, i mercati sono entrati in rally nei mesi successivi. Tuttavia, con così tanti altri fattori tecnici e fondamentali che influenzano i movimenti dei prezzi quest’anno, non c’è modo persino di cercare di prevedere se questo sarà il caso quest’anno. La gara è Trump contro Biden, tuttavia, quando si tratta di come si comporta Wall Street, anche il COVID-19, la Cina, le big tech e i timori legati alle bolle votano.

Il tuo capitale è a rischio.

10395 Visualizza